Email: info@fenimprese.it | Tel +39 0521 1626383

Formazione professionale

PRESENTAZIONE CORSO PROFESSIONALE PER L’AVVIO DELL’ATTIVITA’ DI COMMERCIO NEL SETTORE MERCEOLOGICO, ALIMENTARE E DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE

A chi si rivolge

L’imprenditore che vuole esercitare un’attività di commercio relativa al settore merceologico alimentare o un’attività di somministrazione di alimenti e bevande, anche se effettuate nei confronti di una cerchia determinata di persone, se non è in possesso di uno dei requisiti previsti dal D.lgs. n. 59/2010, art. 71, comma 6 (a. avere prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, presso imprese esercenti l’attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all’amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell’imprenditore in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all’Istituto nazionale per la previdenza sociale;

essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti) deve avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano.

Obbiettivo del corso

Il percorso formativo mira a fornire le competenze necessarie a svolgere l’attività nel rispetto di tutte le procedure idonee a garantire l’igiene e la sicurezza degli alimenti, al fine di tutelare la salute del consumatore e prevenire i rischi per la salute pubblica. La figura dell’addetto al Commercio e alla Somministrazione di Alimenti e Bevande ha l’importante compito di assistere, orientare e informare il Cliente, nonché di curare e disporre i prodotti e svolgere, essenzialmente, una funzione di servizio e di assistenza al pubblico.

Modalità lezioni

Le lezioni si svolgeranno in modalità FAD con il supporto di slide, esercitazioni on line, continui contatti con il docente e il tutor responsabile del corso, web chat e possibilità di assistere alle lezioni in modalità call conference.

Modalità d’esame

Al termine di ogni modulo formativo verrà somministrato almeno un test di verifica sugli argomenti trattati. Il superamento della verifica è propedeutico per l’accesso al modulo successivo. Al termine delle lezioni e delle verifiche intermedie verrà sostenuto l’esame in aula con una prova scritta (test a risposta multipla) e una prova orale.

CORSO PER OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (O.S.A.) ON LINE

A chi si rivolge

Secondo il Reg. CE 852/2004 tutti gli operatori del settore alimentare (i c.d. alimentaristi) destinati ad attività di produzione, preparazione, confezionamento, manipolazione e vendita di sostanze alimentari devono essere adeguatamente formati per conoscere ed eliminare i rischi per la salute dei consumatori.

Il corso va a sostituire il rilascio del libretto di idoneità sanitaria ed è obbligatorio per:

  1. a) Il responsabile dell’industria alimentare: il titolare, od il responsabile specificamente delegato, dell’attività di preparazione, trasformazione, fabbricazione, confezionamento, deposito, trasporto, distribuzione, manipolazione, vendita, somministrazione di prodotti alimentari;
  2. b) L’operatore del settore alimentare (OSA): persona fisica o giuridica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell’impresa alimentare posta sotto il suo controllo.

L’attività    degli alimentaristi comporta dei rischi per la salubrità degli alimenti preparati, di entità variabile, in relazione ai cicli lavorativi attuati.

Per questa ragione le attività di rischio, e quindi le tipologie di corso, possono essere suddivise in due categorie:

Categoria A -rischio elevato -attività che comportano manipolazione di alimenti deteriorabili, nelle fasi di produzione, stoccaggio, preparazione, cottura, confezionamento, distribuzione/somministrazione:

Pertanto, rientrano in questa categoria:

-personale operante all’interno delle cucine, mense, centri cottura, ristoranti, pizzerie, rosticcerie, paninoteche e similari;
-produttori di gelato artigianale, yogurterie;
-personale addetto alle lavorazioni della pasta fresca, pastifici;
-addetti alle preparazioni in bar, tavola calda, gastronomie;
-pasticceri;
-addetti all’industria conserviera;
-addetti presso stabilimenti ed esercizi di lavorazione delle carni e del pesce;
-addetti presso stabilimenti di produzione alimenti a base di uova, gastronomici e dolciari;
-addetti alle lavorazioni prodotti da forno

-addetti alla preparazione e manipolazione di prodotti dietetici, per la prima infanzia, baby foods e destinati ad una alimentazione particolare;
-addetti alla lavorazione del latte e dei prodotti caseari;
-addetti alla manipolazione e confezionamento dei prodotti della IV e V gamma;
-allievi di scuola alberghiera e addetti a lavorazioni non contemplate nell’elenco di cui sopra, che presentino, comunque, un rischio microbiologico significativo;
-responsabili dell’industria alimentare e/o della qualità all’interno di un’azienda la cui attività è relativa alle sopra elencate; specifiche categorie di rischio, nonché personale con responsabilità di sorveglianza, gestione di settore del processo, delle medesime attività.

Categoria B -rischio medio attività che comportano manipolazione di alimenti confezionati o sfusi non deteriorabili o alla relativa sola somministrazione e vendita:

Pertanto, rientrano in questa categoria:

-personale addetto alla sola somministrazione nelle mense e ristoranti;
-addetti alla vendita presso esercizi commerciali di alimenti (supermercati, salumerie, macellerie, pescherie, ecc.);
-camerieri (personale di sala presso attività di ristorazione);
-baristi addetti alla sola somministrazione e vendita;
-addetti alla produzione delle bevande;
-addetti alla lavorazione e confezionamento di funghi freschi e secchi;
-addetti alla produzione di caramelle e affini;
-addetti alla produzione di additivi ed aromi;
-personale addetto alla vendita e confezionamento dei prodotti ortofrutticoli ed al trasporto degli alimenti sfusi che necessitano di controllo della temperatura (ex art. 44, D.P.R. n. 327/80).
Obiettivo del corso:

L’ intento del corso è quello di portare gli operatori del settore alimentare a conoscere gli aspetti più rilevanti dell’igiene alimentare per garantire la salubrità per se stessi e per i consumatori.
E’ fondamentale inoltre approfondire gli elementi fondamentali per la comprensione e l’applicazione del Regolamento CE 852/2004.

Modalità lezioni:

Le lezioni si svolgeranno in modalità FAD con il supporto di slide, esercitazioni on line, continui contatti con il docente e il tutor responsabile del corso, web chat e possibilità di assistere alle lezioni in modalità call conference.

Modalità d’esame:

Al termine del corso verrà somministrato un test di verifica sugli argomenti trattati e al solo superamento prova valutativa verrà rilasciato l’attestato di qualifica così come disposto dall’attuale normativa.

CORSO AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

A chi si rivolge

La legge n. 220 del 11/12/2012 ha disciplinato dopo circa 40 anni la materia del condominio, introducendo nuovi obblighi per gli amministratori.

Tra questi quello formativo, divenuto un cardine della riforma e una condizione necessaria per svolgere la professione.

Il Decreto del Ministero della Giustizia – n. 140 del 13 agosto 2014, disciplinando nel dettaglio i criteri, i contenuti e le modalità di svolgimento dei corsi di formazione, ha previsto il superamento con esito positivo di un corso di formazione professionale della durata di 72 ore per l’abilitazione e di 15 ore per l’aggiornamento annuale.

Obbiettivo del corso

Il percorso formativo mira a formare una figura professionale altamente qualificata, rendendola preparata su materie giuridiche, fiscali e tecniche, fondamentali per una buona conduzione e gestione del condominio.

 

Modalità lezioni

Le lezioni si svolgeranno in modalità FAD con il supporto di slide, esercitazioni on line, continui contatti con il docente e il tutor responsabile del corso, web chat e possibilità di assistere alle lezioni in modalità call conference.

Modalità d’esame

Al termine del corso verrà somministrata una prova con domande a risposta multipla.

CORSO MECCATRONICO

ECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI – PERCORSO INTEGRATIVO PER IL CONSEGUIMENTO DELL’ABILITAZIONE PROFESSIONALE DI ELETTRAUTO

ART. 3 della LEGGE N.224/2012 – Atti di CONFERENZA STATO- REGIONI 70/CSR DEL 12/06/2014 – Legge n. 122/1992 modificata con LEGGE 224/2012

Ai sensi dell’ART. 3 della LEGGE N.224/2012 i responsabili tecnici già iscritti nel registro o nell’albo delle imprese artigiane e abilitate all’attività di elettrauto, qualora non siano in possesso di almeno uno dei requisiti tecnico professionali previsti dalla citata Legge n. 122/1992 DEVONO OBBLIGATORIAMENTE FREQUENTARE IL PERCORSO FORMATIVO LIMITATAMENTE ALLE COMPETENZE RELATIVE ALL’ABILITAZIONE DI ELETTRAUTO NON POSSEDUTA.

Disciplina attività di Autoriparazione (12G0246) – GU n. 297 del 21/12/2012

La Legge n. 224/2012 ha disposto la modifica della LEGGE 122/1992 in materia di attività di autoriparazioni (MECCATRONICA), individuando e classificando i settori di meccatronica (meccanico/elettrauto) – carrozzeria e gommista.

CORSO DI FORMAZIONE AMIANTO

Tutti i corsi di formazione organizzati sul tema amianto

Le norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto prevedono che le Regioni, nell’ambito dei Piani Regionali, organizzino tra l’altro i corsi di formazione per gli addetti alle attività di rimozione, smaltimento e bonifica dell’amianto.

Corso operativo amianto (30 ore)

Corso gestionale amianto (50 ore)

Corso di formazione CCM